a cura di Francesco Di Mauro | 5,0 / 5,0 | Tempo di lettura approssimativo: 11 minuti
Two Notes Opus: Amp-Sim indispensabile in ogni gig bag! - Recensione

Two Notes Opus: Amp-Sim indispensabile in ogni gig bag! - Recensione  ·  Fonte: Two Notes

annuncio

In questa recensione del Two Notes Opus, diamo un’occhiata al primo sistema di modelling “end-to-end” dell’azienda francese. Introducendo il nuovo TSM Preamp Emulation di Two Notes, l’Opus è una piccola scatola assurdamente utile, ricca di funzioni utili. Merita di stare nella vostra gig bag? Scopriamolo…

annuncio

Recensione del Two Notes Opus

Se siete chitarristi interessati alla registrazione, probabilmente avrete sentito parlare di Two Notes. L’azienda francese si è guadagnata la reputazione di fornire strumenti di registrazione superbi per chitarristi e produttori.

Non è la prima volta che Two Notes offre una soluzione all-in-one per la registrazione diretta. All’inizio di quest’anno abbiamo avuto modo di conoscere i pedali ReVolt per la simulazione di amplificatori per chitarra e basso. Tuttavia, si tratta di unità analogiche con limitazioni nell’accuratezza del modelling del cabinet, in particolare. Ecco il Two Notes Opus: un’unità completamente digitale, compatta e autonoma che offre l’emulazione di preamplificatori, finali e speaker cabinet in un’unica unità compatta e altamente portatile.

Inoltre, l’Opus funziona come IR loader hardware tramite scheda microSD. Un’aggiunta non trascurabile e qualcosa di unico a questo livello di prezzo; a proposito di prezzi…

Di solito non parlo dei prezzi dei prodotti fino alla fine di una recensione, ma in questo caso credo che sia fondamentale fin dall’inizio. Il Two Notes Opus sarà venduto a 322 euro, un prezzo eccezionalmente competitivo. In un colpo solo, è in grado di battere sul prezzo quasi tutta la concorrenza degli “amplificatori in-a-box”. Inoltre, si scontra direttamente con il nuovo Line6 HX One. Considerando il prezzo, forse è meglio non giudicare l’Opus come un “multieffetto”, ma piuttosto come un prodotto utility dal prezzo interessante.

Two Notes OPUS
Two Notes OPUS · Fonte: Francesco Di Mauro / Passione Strumenti

Il pedale che non è un pedale

Che cos’è esattamente il Two Notes Opus? Devo confessare che sono rimasto un po’ spiazzato quando la Two Notes mi ha inviato le informazioni stampa di questo dispositivo. L’Opus ha le dimensioni di un pedale, ha persino la forma di un pedale e la sua forma è perfetta per essere inserita nella vostra pedaliera. Tuttavia, si può notare che non c’è nessun footswitch! Ho chiesto a Two Notes di spiegare questa scelta progettuale e, di conseguenza, a chi si rivolge l’apparecchio. L’Opus è destinato a essere utilizzato come unità di accompagnamento per la vostra pedaliera/amplificatore esistente, o come strumento di pratica indipendente.

TSM Preamp Emulation

annuncio

Collocato alla fine della pedaliera come “amplificatore virtuale” o tra la testata e la cassa come modeller di cassa, questa scelta progettuale ha senso. Tuttavia, non posso fare a meno di pensare che l’inclusione di un singolo footswitch avrebbe ampliato notevolmente la versatilità.

L’Opus utilizza una nuova piattaforma DSP di Two Notes: TSM Preamp Emulation. È la prima volta che il TSM viene reso disponibile in un prodotto e rende possibile il sistema di modelling “end-to-end” che vediamo qui. Ci sono preamplificatori, modelli e simulazioni che interesseranno i chitarristi elettrici, acustici e i bassisti.

TSM mira a fornire il suono e la sensazione di alcune famose sezioni di preamplificazione degli amplificatori:

  • Foundry – Un suono di amplificatore in stile “California Clean”, chiaramente basato su amplificatori in stile Fender.
  • Peggy – Un ampli per basso alla ricerca del growl e del punch in stile Ampeg.
  • Albion – Crunch Marshall per giorni, amico!
  • Foxy – Un preamplificatore in stile VOX con il caratteristico suono e la spinta degli amplificatori VOX AC.
  • NiftyFifty – Un preamplificatore ad alto gain e aggressivo per ritmiche e lead metal. Non sono sicuro di quale sia il modello di questo amplificatore, ma a me sembra che il suo carattere sia simile a quello di un Mesa/Soldano.

DynIR Engine

Chi ha già familiarità con i prodotti Two Notes, come il Torpedo Captor, conoscerà già il DynIR Engine. DynIR offre emulazioni di finali di potenza, cabinet e microfoni davvero convincenti. Two Notes sostiene che DynIR fornisce l’equivalente di 160.000 file IR da studio. Ogni risposta DynIR può essere ampiamente modellata. Le opzioni di doppia microfonazione virtuale sono a vostra disposizione con una gamma di microfoni modellati; ci sono 10.000 posizioni microfoniche teoriche (frontali e posteriori) disponibili.

Ho già trascorso molto tempo con DynIR grazie all’esperienza del mio Torpedo Captor X. Ottenere un buon suono di cabinet microfonato è fondamentale per il realismo di qualsiasi simulazione di amplificatore. In base alle mie esperienze precedenti, l’inclusione di DynIR è un punto di forza per Opus.

  • Le connessioni alla SX dell'OPUS
  • Le connessioni alla DX dell'OPUS

Ben collegato

Two Notes ha scelto di mantenere l’Opus un’unità mono; a questo prezzo e con l’attenzione rivolta alla modellazione degli amplificatori, credo che questo abbia senso. Sul lato destro dell’apparecchio si trova una presa d’ingresso che può essere impostata a livello di amplificatore, linea o strumento. È importante sottolineare che l’Opus non è una load box, come il Torpedo Captor. Tuttavia, la presa passante consente di collocare l’Opus tra la testata e il cabinet. Tra queste connessioni si trovano un connettore USB-C e l’ingresso per l’alimentazione.

Sul lato sinistro dell’Opus, la connettività continua. C’è un’uscita di linea da 1/4″ e un’uscita XLR bilanciata con ground lift. C’è poi un trio di prese jack da 3,5 mm: aux-in e cuffie (ottime per esercitarsi) e un ingresso MIDI. Quest’ultimo forse annulla l’assenza di switching a pedale, dato che è possibile controllare l’Opus via MIDI.

Sul bordo superiore dell’unità si trova un bel display OLED monocromatico e chiaro. Il display è affiancato su entrambi i lati da due encoder rotativi che consentono di accedere alle patch e all’editing. Infine, il pannello posteriore presenta uno slot per la scheda micro SD che contiene gli IR e i modelli. L’intero pannello posteriore si illumina con il logo Two Notes quando viene acceso, con un aspetto elegante e raffinato.

Finora tutto questo suona bene sulla carta, ma suona bene anche dal vivo?

Retro dell'OPUS
Retro dell’OPUS · Fonte: Francesco Di Mauro / Passione Strumenti

La prova

Indubbiamente, se un modeller o un’unità di effetti non suona bene o non mi ispira come musicista, perdo presto interesse. Nessuna quantità di funzioni aggiuntive può compensare un suono o un feeling scadente. Sono un musicista sempre alla ricerca delle stesse cose: suono, sensibilità al tocco, dinamica e una sensazione di suonare che ispiri.

Sono molto felice di poter affermare che il Two Notes Opus non delude dal punto di vista sonoro. Ho iniziato con un’analisi dei preset di fabbrica, che spaziavano tra i vari generi: blues, funk, rock, metal e altri ancora. Come in ogni buon dispositivo di tecnologia musicale, mi sono presto ritrovato a perdere la cognizione del tempo. 

Probabilmente, uno dei suoni più difficili da modellare in modo convincente è quello di un amplificatore valvolare e di un cabinet sul punto di breakup. Gli algoritmi di Two Notes sono particolarmente impressionanti in questo senso; ho davvero percepito la sensazione di spingere un piccolo combo verso il breakup, solo grazie all’intensità del picking. Anche chi suona in high gain non rimarrà deluso: ci sono alcuni fantastici suoni metal con una buona articolazione e corposità.

Vi lascio alla video-prova, poi potrete leggere le mie considerazioni personali:

I Suoni della Prova

Per iniziare la recensione di Two Notes Opus, ho collegato l’Opus direttamente alla mia interfaccia audio Audient iD 24 e ai monitor da studio tramite l’uscita XLR bilanciata. In particolare, per il test ho utilizzato: una Gibson Les Paul Standard, una Fender Stratocaster USA, una Fender Stratocaster Player Series messicana ed un’acustica Yamaha LL6 con un sistema piezo passivo.

Dopo aver provato i vari preset di fabbrica ed essermi fatto un’idea delle possibilità sonore dell’OPUS, ho creato 4 preset ad hoc per la Video-Prova spaziando tra vari generi in modo da dare una panoramica delle sonorità ottenibili con questo dispositivo:

  • Classic Rock
  • Blues
  • Funk
  • Chitarra Acustica

Ottenere dei suoni realmente utilizzabili in contesti live e di registrazione è stato decisamente semplice ed intuitivo. Ci tengo a sottolineare che tutto ciò che sentite nel video proviene direttamente da OPUS. Mi sono solo limitato a regolare il volume della traccia registrata, non ho effettuato nessuna equalizzazione, compressione o postproduzione delle tracce!

Sono rimasto piacevolmente colpito anche dai preset per chitarra acustica; grazie alle IR di Two Notes si riesce a recuperare il feeling sonoro che molto spesso con un sistema piezo si perde. Vi posso assicurare che è come avere la chitarra microfonata ma senza tutti i problemi e le difficoltà di sorta!

Patch Editing

È del tutto possibile modificare una patch utilizzando l’Opus come dispositivo indipendente senza l’ausilio di un computer. I due encoder rotativi consentono di navigare nei menu in modo intuitivo. Lo schermo OLED è luminoso e chiaro e la grafica guida l’utente in modo facilmente comprensibile. C’è anche un accordatore integrato che mi è sembrato molto sensibile e preciso quando l’ho provato.

Per ottenere il massimo dall’Opus, tuttavia, consiglio di utilizzare l’applicazione Two Notes Torpedo Remote. È possibile collegare l’Opus al computer tramite USB, oppure collegarlo al proprio smartphone/iPhone/tablet ecc. tramite Bluetooth. Vi posso assicurare che l’applicazione funziona perfettamente. Non ho mai sentito la necessità di collegare il dispositivo al computer, si collega in wireless e si riesce a regolare qualsiasi parametro in modo preciso ed efficace!

Torpedo Remote
Torpedo Remote · Fonte: Two Notes

Questa è una caratteristiche degna di nota; molto spesso con altri sistemi digitali mi sono trovato in situazioni Live in cui editare un preset diventava davvero un incubo. Grazie a questa app basta prendere il proprio smartphone e si ha tutto a portata di mano con un intuitività senza precedenti e senza doversi chinare in pedaliera!

Utilizzando l’editor da computer, si ha più o meno la stessa esperienza utente rispetto all’editor mobile ma con una maggiore comodità data dalla grandezza dello schermo e dal mouse.

Mi sono divertito moltissimo a spostare i microfoni virtuali, a provare vari cabinet in diversi spazi acustici e a giocare con le combinazioni di pre e finali. Insomma, sia utilizzando l’app mobile che quella desktop, l’editing dei preset è semplicissimo e vi ritroverete a perdere delle ore senza nemmeno accorgervene!

Modelling senza pari?

Confrontando la mia esperienza con le soluzioni di modelling di grandi produttori come Universal Audio, Headrush e Line6, direi che i modelli Two Notes reggono lodevolmente il confronto. Se dovessi muovere una critica, forse è che la modellazione dei finali di potenza non è così accurata come quella dei concorrenti. Questo è forse un compromesso dell’architettura Two Notes. Troverete modelli di preamplificatori accurati e specifici per ogni amplificatore, ma i modelli di finali di potenza sono più generici. Questo non è affatto un ostacolo e anzi, aggiunge potenziale versatilità.

Volete accoppiare un preamplificatore in stile Marshall con uno stadio finale EL-84? Nessun problema! In effetti, è possibile creare combinazioni di preamplificatori, finali e casse che sarebbero impossibili nella vita reale.

È doveroso menzionare anche il motore FX dal suono superbo. Se siete alla ricerca di modulazione e di effetti creativi di profondità, potreste rimanere delusi. Ciò che non vi deluderà è la qualità dei riverberi, dell’enhancer e dell’equalizzatore. Sono un’aggiunta significativa all’Opus e ancora una volta, a questo prezzo, non sono da trascurare.

Editor Mobile
Editor Mobile · Fonte: Francesco Di Mauro / Passione Strumenti

Uno tool indispensabile

Nel corso di questa recensione, mi sono posto la stessa domanda: come può una suite di strumenti software e hardware così utili essere disponibile in un pacchetto così compatto e a questo prezzo? Mi vengono subito in mente decine di situazioni in cui, nel corso degli anni, come chitarrista in tour e in registrazione, l’Opus sarebbe stato indispensabile. Il fatto che offra anche suoni di amplificatori convincenti e piacevoli è la ciliegina sulla torta.

Riserve? Beh, tornerò ancora una volta sull’esclusione del controllo a pedale. Sì, è possibile cambiare patch via MIDI o tramite l’app. Tuttavia, un singolo footswitch per accendere o spegnere l’unità o per passare da una patch all’altra assegnata dall’utente avrebbe reso questo prodotto un “prodotto a cinque stelle”. Allo stesso modo, la mia lista dei desideri avrebbe incluso un loop effetti. Sono sicuro che molti di noi hanno effetti basati sulla modulazione che preferiscono inserire dopo il preamplificatore e prima del finale.

Tuttavia, a questo prezzo, questi elementi diventano semplicemente “lista dei desideri”. Forse Two-Notes prenderà in considerazione l’idea di regalarci un “Opus XL” con una manciata di footswitch e un loop di effetti? Sarebbe davvero un sogno che si avvera!

Così com’è, l’Opus è ancora uno degli apparecchi più notevoli che mi siano capitati tra le mani quest’anno. È così versatile da meritare di essere presente nella gig bag di ogni chitarrista.

Aggiornamento Firmware e Nuovi Preamplificatori

A dicembre 2023, i possessori del Two Notes Opus hanno ricevuto la serie di preamplificatori TriTone Collective. Due preamplificatori per chitarra e un preamplificatore per basso forniti gratuitamente.

E ora la serie di preamplificatori TSM di Cali Collective viene rilasciata come ulteriore aggiornamento firmware gratuito per tutti i possessori di Opus! Da un lato, l’emulazione FlatBack è un ottimo strumento per gli amici del suono californiano high-gain. Poi c’è il Gemini, un’emulazione di preamplificatore per suoni puliti incredibili dal sapore retrò.

Ora l’Opus ha dieci preamplificatori, invece dei cinque iniziali. È così che si fa il supporto dei prodotti. Potete acquistare il Two Notes Opus da Thomann* per 322 euro.

Affiliate Links
Two Notes Opus DI, Amp & Cab Sim
Two Notes Opus DI, Amp & Cab Sim
Valutazione dei clienti:
(8)

Ulteriori informazioni:

Video

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da YouTube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da YouTube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

*Questo articolo contiene link promozionali che ci aiutano a finanziare il nostro sito. Non preoccupatevi: il prezzo per voi rimane sempre lo stesso! Grazie per il vostro sostegno.

Two Notes Opus: Amp-Sim indispensabile in ogni gig bag! - Recensione

Come valuti questo articolo?

Valutazione: Tuo: | ø:
annuncio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *