a cura di Riccardo Yuri Carlucci | 5,0 / 5,0 | Tempo di lettura approssimativo: 5 minuti
La modulazione spiegata: come una canzone cambia tonalità

La modulazione spiegata: come una canzone cambia tonalità  ·  Fonte: Passione Strumenti

annuncio

La modulazione spiegata: vi siete mai chiesti come fanno artisti come Michael Jackson e i Queen a cambiare la tonalità di una canzone con tanta disinvoltura? Come fanno certe canzoni a mantenere l’attenzione dell’ascoltatore con sottili cambiamenti e variazioni? La risposta sta nella modulazione della tonalità…

annuncio

La modulazione spiegata: come una canzone cambia tonalità

Dal punto di vista del chitarrista, sappiamo che il fedele capotasto ci aiuterà a cambiare tonalità. Tuttavia, questa è solo la punta dell’iceberg.

Spostando il capotasto sul manico della chitarra, è possibile alzare la tonalità in base alle esigenze. Tuttavia, questa guida sulla modulazione spiegherà la teoria musicale che sta dietro al cambio di tonalità. Sia in aumento che in diminuzione.

Che cos’è la modulazione?

Musicalmente, la modulazione è il processo di passaggio da una tonalità all’altra. Questo può avvenire in senso ascendente, come ad esempio da Sol a La. Allo stesso modo, si può anche cambiare tonalità con un movimento discendente, ad esempio da Fa a Re.

Inoltre, si può passare da tonalità maggiori a tonalità minori e viceversa. Questi sono tutti tipi diversi di modulazione.

Naturalmente, tutti hanno effetti diversi sull’ascoltatore e sulla percezione della musica. Passare da Sol a La darebbe a un brano musicale un senso di slancio in avanti, in quanto ci stiamo muovendo verso l’alto nella tonalità. Mentre il passaggio da una tonalità maggiore a una minore smorzerebbe l’entusiasmo del brano musicale.

Progressione di accordi

Vediamo un esempio di cambio di tonalità tramite modulazione. Una volta capito come cambiare gli accordi, potreste non aver più bisogno del capotasto!

annuncio

Prendiamo una serie di accordi nella tonalità di Do maggiore. Ipoteticamente, questi accordi sono troppo bassi per il cantante che stiamo accompagnando. Pertanto, dobbiamo alzare l’intonazione della canzone tramite la modulazione. Dovrebbe bastare un tono.

Ogni accordo della nostra progressione deve essere aumentato di un tono ciascuno. Quindi, se in Do maggiore avevamo un accordo di Fa maggiore, ora diventa Sol maggiore. Perché? Perché ci siamo spostati di due gradini da Fa, Fa# e siamo arrivati a Sol. Nel complesso, il brano è ora nella tonalità modulata di Re maggiore.

La modulazione spiegata - Progressioni di accordi
La modulazione spiegata – Progressioni di accordi

Cambio di melodia

In secondo luogo, dobbiamo vedere cosa succede quando una melodia, detta anche riff, cambia tonalità. Riprendendo alcuni degli stessi principi del cambio di accordi.

In questo caso, esamineremo un insieme di note che formano la melodia di un brano musicale. Anche in questo caso dobbiamo modulare da una tonalità all’altra. Tuttavia, questa volta scenderemo di tonalità.

In questo esempio, abbiamo una selezione di note in Si minore e moduleremo in Sol# minore, che è la distanza di un tono e di un ulteriore semitono. Ogni nota cambierà della stessa distanza, ottenendo la nuova tonalità desiderata.

La modulazione spiegata - Cambio di melodia
La modulazione spiegata – Cambio di melodia

Layla – Derek And The Dominos

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da YouTube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Dopo aver visto come si possono modulare accordi e melodie, vediamo alcuni esempi concreti. A cominciare da questo classico del rock di Eric Clapton.

L’iconica introduzione e il riff di chitarra sono nella tonalità di Re minore. Nella musica rock non ci sono molti esempi di modulazione. A meno che non si consideri Bohemian Rhapsody dei Queen, dove ci sono effettivamente tre canzoni in una.

Per stabilire l’inizio della strofa, il brano modula verso il basso di un semitono fino a Do# minore. Si tratta di una scelta molto insolita, perché porta con sé il timbro complessivo del brano verso il basso. Tuttavia, quando si ritorna al ritornello, il brano ritorna a Re minore, che è un cambio di tonalità verso l’alto. In questo modo, si crea un senso di movimento positivo che è appropriato per una sezione di ritornello.

La modulazione spiegata - Layla
La modulazione spiegata – Layla

Già che ci siete, perché non mettere gli occhi su una delle Stratocaster signature di Eric Clapton? Potreste suonare un po’ di blues su questa bella Strato color BLK

Affiliate Links
Fender Clapton Strat Signature BLK
Fender Clapton Strat Signature BLK
Valutazione dei clienti:
(22)

Volendo esiste anche un’alternativa decisamente economica. Non fatevi ingannare dal prezzo, in realtà è tutt’altro che un giocattolo; possiamo garantire!

Affiliate Links
Harley Benton ST-62CC MN Charcoal Frost
Harley Benton ST-62CC MN Charcoal Frost
Valutazione dei clienti:
(51)

Man in the Mirror – Michael Jackson

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da YouTube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Infine, esamineremo le caratteristiche interne di questo brano degli anni ’80, un vero e proprio inno. È uno dei tanti successi di Michael Jackson, ma questo ci aiuta ad analizzare la modulazione.

Come abbiamo già detto, i cambi di tonalità hanno diversi effetti sulla percezione della musica. Man in the Mirror modula da Sol maggiore a Sol# maggiore, ovvero alla distanza di un semitono. Salire verso l’alto crea un’atmosfera gioviale e celebrativa all’interno della musica. È appropriato per il coro finale della canzone che sfuma.

C’è anche un po’ di word painting, che deriva dall’epoca barocca della musica. In questo caso, la partitura riflette la voce in un brano musicale. In questo caso, moduliamo sulla parola “change“. Questo si riflette quando passiamo da una tonalità all’altra.

La modulazione spiegata - Man in the Mirror
La modulazione spiegata – Man in the Mirror

La modulazione spiegata: è ora di cambiare?

Ecco a voi un percorso guidato sul cambio di tonalità per chitarra. Sapere come cambiare le tonalità è una risorsa vitale per qualsiasi musicista, sia che si stia scrivendo un album di debutto, sia che si suoni in una cover band. Avere una comprensione musicale in più è sempre utile. Naturalmente, si può sempre contare su un capotasto per stare tranquilli!

Affiliate Links
Harley Benton HBCA-7D-C D-Style Capo Classic
Harley Benton HBCA-7D-C D-Style Capo Classic
Valutazione dei clienti:
(598)

Come il capotasto cambia la tonalità: L’arma segreta del cantautore

Video

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da YouTube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da YouTube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Altre informazioni:

*Questo articolo contiene link promozionali che ci aiutano a finanziare il nostro sito. Non preoccupatevi: il prezzo per voi rimane sempre lo stesso! Grazie per il vostro sostegno.

La modulazione spiegata: come una canzone cambia tonalità

Come valuti questo articolo?

Valutazione: Tuo: | ø:
annuncio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *